Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

martedì 18 aprile 2017

Il ritorno




Stamattina ho chiuso il profumo della mia città in valigia, ho preso un ultimo caffè con due mie amiche, ho salutato i miei genitori, sono salita in auto, ho viaggiato fino a Catania.



Adesso scrivo dall'aereo, durante il volo che mi sta riportando a Roma, dove continuerò la mia vita da "apolide" aspettando l'estate.

Guardo dal finestrino: saluto dall'alto l'Etna, che sbuca tra le nuvole,




le Isole Eolie, 



il mio cielo 



e penso che sia sempre poco il tempo trascorso con la famiglia e gli amici lasciati laggiù.



Purtroppo, mi basterà disfare i bagagli per disperdere l'aria della mia terra, catturata in mezzo alla roba che metterò in lavatrice.


Ciao Sicilia!

















34 commenti:

  1. Il ritorno a casa è sempre un ritorno in un utero materno.
    Di una dolcezza infinita, di un tepore morbido e generoso.
    Da farne sorta e tenerlo nel cuore. Che duri fino al prossimo ritorno,
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi ti accorgi di certe "appartenenze" quando stai lontana.
      Tu, Patricia, sei una poetessa, c'è niente da fare! ☺️

      Elimina
  2. Casa dolce casa, c'è poco da fare. I luoghi ai quali "apparteniamo" per nascita e famiglia non possono essere facilmente rimpiazzati. Però posso garantirti che passare sempre la vita nello stesso luogo a lungo andare è demoralizzante, ti fa pensare "Se fossi andato altrove?" con una punta di rimpianto. Tu sicuramente questo rimpianto non lo proverai mai ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a Roma sto bene, questa è una città bellissima e io ho la fortuna di ambientarmi ovunque e trovare dappertutto il positivo, certo è che la mia città mi manca: lì mi sento a casa mia, qui sarò ospite per sempre.
      Però ti dico la verità: non mi sarei mai allontanata dalla Sicilia se non ne fossi stata costretta dalle circostanze della vita.

      Elimina
  3. Sempre bello partire e meno tornare, ma restano le foto, i ricordi, e cresce la voglia per accorciare i tempi e rifare il tutto. Dai che non è dall'altra parte del mondo...😘😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! E, guarda, non più tardi di un mese fa abbiamo rischiato davvero di trasferirci dall'altra parte del mondo: quattro anni in California. Ho sudato freddo per 48 ore! 😊

      Elimina
  4. Quest'estate torni? Te lo auguro. Mi stai facendo voglia di andarci pure io in Sicilia quest'estate, che non abbiamo ancora programmato nulla. Buone lavatrici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono tante cose meravigliose da vedere, che te lo dico a fare! Sarebbe bello! 🤗
      Io ho una settimana di vacanze piazzata come sempre a San Vito lo Capo (e conto i giorni!)

      Elimina
  5. Pensa che io non sono mai sceso al di sotto di Roma! Però sì, immagino che la Sicilia sia meravigliosa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È tempo di organizzare qualche viaggetto al di sotto di Roma. Non ami il mare, però sì, la Sicilia è meravigliosa e non solo per quello! 😉

      Elimina
  6. Bentornata! Belle le foto, raccontano assai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gloria, pochi giorni, ma intensi. 🤗

      Elimina
  7. Non ho ancora avuto la fortuna di visitare la Sicilia, ma ho sentito tutto l'amore per la tua terra che trasuda da questo post

    RispondiElimina
  8. Che tempo c'era lì in Trinacria?
    Se qui c'era a Turin c'era un sole pazzesco, posso solo immaginare lì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime giornate anche qui, però la domenica di Pasqua, dopo pranzo, è piovuto di brutto! Lunedì di nuovo bello, per fortuna! 😁

      Elimina
  9. Sempre bello ritornare nella propria terra. Difficile ripartire: non la si vorrebbe mai lasciare.

    RispondiElimina
  10. Questa Sicilia, che solo ad averla fra le pieghe del carattere, nelle narici e nello sguardo, è così travolgente e indimenticabile...
    Ti capisco.
    Io forse ci torno questa estate, in luglio, stazionando a Siracusa. Speriamo di riuscirci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle vene, sangue e Sicilia! 😍
      Ho fatto vacanze a Siracusa per otto anni alternandole a San Vito. Quest'anno è la volta di San Vito: non andavamo da un po' ☺️

      Elimina
  11. La Sicilia è una terra meravigliosa, poi il rapporto con le proprie radici è sempre speciale.
    Dai che in estate potrai tornarci Marina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devo aspettare tre mesi circa, sempre meno di quelli trascorsi dall'estate scorsa fino a questa Pasqua! 😊

      Elimina
  12. Oddio oddio, posso piangere davanti a questo post. Grazie per queste stille di vita e di emozioni, Marina. COME TI CAPISCO! QUANTO TI CAPISCO!...
    Vent'anni...e ancora faccio fatica a dare il mio indirizzo di residenza quando me lo chiedono :(( Poi non ce la faccio a sentire i bambini che prendono a parlare con la cadenza del posto, mi si blocca lo stomaco. E poi...e poi... ho sempre l'impressione che ci sia poca aria, poco sole, poca libertà... Buuuuuuu...sono un caso disperato. E dire che quando sono partita ero così fiera: adolescente ribelle e vogliosa di mettere radici altrove. Mica lo sapevo che le radici non vengono via. No no, non vengono proprio via.

    Un abbraccio INFINITAMENTE IMMENSO E CON TUTTO TUTTO IL MIO CUORE <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho un figlio che sta cominciando a "romaneggiare". L'altro, per fortuna, è ancora tenacemente abbarbicato alla cadenza sicula! 😂
      Mi sono abituata alle strade, ai ritmi, al caos di questa città, ma non mi apparterranno mai, del resto come potrebbero: sono venuta qui solo quattro anni fa, da adulta "strappata" alla propria terra. Fosse stato per me... e chi si muoveva da Caltanissetta! ☺️

      Elimina
  13. Ti invidio. Terra bellissima!
    :-D

    RispondiElimina
  14. Bentornata, Marina, e grazie per le bellissime foto! :-)

    RispondiElimina
  15. Mhhh... i legami con la propria terra sono indissolubili, ce li portiamo dentro, anche se lontani..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta da queste parti, Giulia. Anche tu "prestata" a qualche città?

      Elimina