Fermo i pensieri in corsa, quando attraversano il mio cervello; li fisso perché non si confondano nel caos di immagini che quotidianamente registro e di sensazioni che assorbo mentre parlo, osservo, percepisco odori, ascolto, mentre, cioè, i miei sensi lavorano e io li assecondo inconsciamente. È questo ciò che faccio portandomi dietro un taccuino: ce l'ho in borsa e se non è in borsa è in una tasca ma sempre con me, pronto a ricevere suggestioni, a raccogliere e conservare tutto quello che mi colpisce e non voglio vada disperso o dimenticato.

domenica 28 agosto 2016

Buon Compleanno, Insieme Raccontiamo 12!


Insieme Raccontiamo compie un anno e al dodicesimo appuntamento, quello di questo mese, mi sono presentata alla festa con la mia versione-regalo.
Questa volta mi sono proprio sbizzarrita.
Ho coinvolto qualcuno di voi in modo buffo: scusate, non ho resistito!

Vi ricordate come funziona?
Patricia Moll scrive un incipit e chiunque può partecipare continuando il brano secondo la propria ispirazione. Di solito è previsto un limite, invece, per questa occasione speciale, la regola è stata sospesa e io ne ho approfittato.

Oggi la vostra domenica sarà in compagnia delle:



INCIPIT DI PATRICIA MOLL:

Su una spiaggia, due uomini sulle loro sdraio, sussurravano. Uno dei due chiese all'altro: - E i due desaparecidos?
- Chi? Il Pg e il Mich? I fantasmi di quel blog.. come si hiama... Fanno le sabbiature – e indicò due cumuli di rena da cui spuntavano solo i piedi ad una estremità e i cavetti collegati a due ipod dall'altra. - ma... shtttt! Che se ci sente....
- Mou belin! Ma vuoi che ci senta fin qua? Mica sa dove siamo..
- Eh...miha sa dove siamo.... Maremma proustiana! Non mi fido. Ha orecchie e occhi dappertutto. Mai fasciassi la testa prima d'avella rotta ma....
- Uhm... c'hai ragione, belin.. Ti ghe ragion.
- E poi tu lo sai... home rompe i hohomeri quella, miha li rompe nessuno
- Speremu!
- Eggià! Un se ne pòle più!
Anche i due cumuli di sabbia ebbero un movimento sussultorio. Pure i desaparecidos tremavano a quella possibilità.
In quel momento, si alzò uno strano vento. Tutto era immobile. Non un granello di sabbia si spostava ma verso di loro avanzò un venticello rovente che fece cadere ai loro piedi un foglietto.
Incuriositi lo presero e lo lessero. Sbiancarono.
 C'era scritto:

Terrorizzati si guardarono attorno.
- Nooooooooooooooooooo!!!!! - urlarono all'unisono.
Al loro grido, i due cumuli di sabbia scoppiarono come geyser buttando sabbia a metri d'altezza. 
Il Pg e il Mich furono dritti, bianchicci come latte solo i piedi arrostiti dal sole, in mano piadine e arrosticini.
Guardarono nella direzione indicata dagli altri e videro....

LA MIA CONTINUAZIONE:

... una donzella che, furtiva, provava ad allontanarsi zompettando sulla sabbia incandescente. Aveva un cappello di paglia a falda larga calcato sulla fronte e occhiali da sole cool schiacciati sul naso. Con una mano teneva stretto al fianco "cuore di panna", il fido gatto persiano dal pelo bianco e con l'altra provava a mantenere l'equilibrio sui tacchetti dei sandali acquistati on line, di una misura più piccola.
Il Pg, ancora sconquassato dalla batteria dei Drum Theatre in cuffia, urlò:

- È Pat, maremma maiala!
- Scenti come parla sto patacca! Non sei mica fiorentino, tu! rispose a tono Mich.
- Colpa di Ivano

A quel punto, il giovane lungo e magro corse incontro ai due desaparecidos che intanto provavano a scrollare la sabbia dagli arrosticini, agitandoli al vento:

- Chi ha fatto il mio nome? disse, spostando di lato "Suspiria de profundis" di Thomas de Quincey, che teneva davanti agli occhi per non essere riconosciuto.
Al suo seguito un gigante di un metro e novanta tentava di passare inosservato con una tuta mimetica in piena estate e gli urlava dietro:

- Belin, dove vai Ivano! Proprio ora che stavo sublimando questo momento di inezia esistenziale con l'ennesimo caxxeggio semiserio mentre immaginavo le singole particelle d'acqua e i miliardi di esseri viventi che lo rendono vivo e vitale!
- Ma va’ a piallo n’c***, Max, tu e le tue inutili facezie! Lo 'apisci, Pat ci ha sgamato. Questa ci soffia sul 'ollo pure d'estate!

Avvicinatisi entrambi ai desaparecidos dissotterrati, si guardarono tutti e quattro negli occhi:
Necessitiamo di una nuova copertura, disse Pg.
- 'osa suggerite? replicò Ivano mentre adocchiava guardingo la spiaggia alzando e abbassando la testa dietro il tomo di de Quincey aperto a pagina 2100.
- Ecco, vedete la tipa dietro di voi? Forse lei può aiutarci: i suoi travestimenti sono i migliori. Mich indicò una donna distesa su un telo tenuto fermo ai lati da colonne di libri.
- MA QUELLA È GLÒ, disse Max con un tono infinitesimale.
- Ebbene sì, disse Glò, scostando appena gli occhiali da sole a goccia specchiati e soffiando l'ultimo sbuffo di fumo da una sigaretta, - sono io!

Dagli ombrelloni limitrofi si innalzò all'unisono un grido: "eccoci tutte: le "Myrtilla's Angels" al servizio di donna Pat", sguardi beffardi e sorrisi sardonici:
- Ma... Ma... Maremmona maiala! sospirò Ivano lasciando cadere ai piedi il Suspiria che sprofondò un metro e mezzo sotto la sabbia. - Questa è una 'ongiura!
Anche Marina gli sbarrò la strada con la coppola in testa e una lupara sotto braccio:
- unni scappate, picciotti! 
Sfoderando un sorriso che è sempre la sua arma migliore, Regina Zalieva si mosse in direzione dei giovani in fuga:
- ben detto, Marina! Unni iti? Sarò una donna senza importanza, ma so il fatto mio e... di qui un si movi nuddu!

In sottofondo, la musica di Olivia Sellerio con Lu jornu ca cantavanu li mani.

Anna Maria Fabbri agitava nell'aria il Libro di Melissa e li minacciava: "sarete i protagonisti della mia prossima Panzana", mente Iara R.M. intonava un'elegia dal sapore estivo:

In questo incessante respirare... 
dove credete di andare?
Semplici battiti di vita, 
la vostra fuga è finita.
Sospiro,
soffio d'anima 
fra le labbra,
non avrete mai pace, abracadabra.

Rapiti dalla magia di quelle parole, i quattro bellimbusti si arresero.

- Giuseppa Maria Aurora Carmela Innocenza, quoque tu! tuonò Ivano sconfitto dall'evidenza.
- Chiamami Giusi, Ivano, semplicemente Giusi.
Squitty, Cristiana 2011, Sinforosa e Poiana, con i piedi puntati sulla sabbia e le braccia conserte, che mostravano finti tatuaggi all'henné, formavano una barriera invalicabile.

Ma proprio in quel momento, la salvezza raggiunse i quattro fuggiaschi estivi a bordo di un gommone da pesca Aquaparcx 230 guidato da Marco Lazzara, il giovane chimico con la passione per la scrittura arcana. La bandiera sudamericana di Garibaldi sventolata da Ariano Geta come segnale per la fuga venne intercettata dal guerriero Max che, stretto fra i denti un coltello a serramanico, ordinò agli amici di buttarsi in mare per guadagnare la fuga.

- Siete mica siemi! Io non ho dizierito le piadine e tu Pg hai manziato 15 arrostizini. Ci verrà una conziestione!

Ivano urlò: "creuza de mä, io vò via di qua" e corse in acqua dietro a Max che aveva già preso il largo.

Le "Myrtilla's Angels" si lanciarono all'inseguimento: Marina, con un doppio tuffo carpiato, si buttò per prima. Dopo di lei Regina Zalieva e Glò, con una mossa rapida, scoprirono sotto il pareo il loro super costume integrale in poliuretano.
Da lontano, correndo con passi sconnessi lungo la spiaggia, giunse Pat: teneva con una mano il cappello calcato sulla testa, aveva gli occhiali scivolati sul naso, i sandali coi tacchetti ancora ai piedi e un'arma segreta lanciata dalla battigia in direzione del gommone:
- MIII-AAAA- OOOO!
Dopo qualche minuto di concitazione, le Myrtilla's Angels tenevano legati Pg e Mich, mentre Ivano e Max avevano ormai raggiunto i complici e alzando il dito medio urlavano dal gommone: 

- NOI SIAMO ANCORA IN FERIEEE, MAREMMA BUHAIOLA!
- ÇE VIEMU! 

Il gatto di Pat, bagnato, sembrava un gelato di panna sciolto.

53 commenti:

  1. Che fuori di testa, ahahahah! La prima frase di max, quella esistenziale, mi ha fatto davvero spisciare; è proprio lui! E grande finale!

    Però, se mi consenti alcune note al testo, per la parte che mi riguarda:
    1) Il "Suspiria" di De Quincey è lungo, ahimè, appena 40 pagine.
    2) La c aspirata (e questo può essere utile da sapere anche per gli altri, visto che il toscano va di moda) non va mai a inizio frase o dopo consonante, ma solo all'interno di una frase (o parola) dopo una vocale.
    La frase:
    - Ma va’ a piallo n’c***, Max, tu e le tue inutili facezie! Lo 'apisci, Pat ci ha sgamato. Questa ci soffia sul 'ollo pure d'estate!
    sarebbe in realtà:
    - Ma va’ a pigliallo nicc***, Max, tu e le tue inutili facezie! Lo 'apisci, Pat ci ha sgamato. Questa ci soffia sul collo pure d'estate!
    - 'osa suggerite? in toscano è un normale - Cosa suggerite?
    Vanno invece benone sia "MAREMMA BUHAIOLA" sia la frase - Questa è una 'ongiura!
    Perdonami il pippone!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, povero Max! Spero di strappare una risata anche a lui! :)
      Per il resto, poiché non sono ferrata in materia di dialetti, mi sono buttata sul luogo comune e qualche ricerca di espressioni e vocaboli su google. Le tue precisazioni, però, sono sicuramente interessanti e utili! :D

      Elimina
    2. Hahahaha belin, qui con la scusa mi becco vaffa da tutte le parti...

      Elimina
    3. Marina, azzeccatissimo il mio "unni iti"... :P...ma com'è che pure tu c'hai la coppola, la lupara e parli il terronese? :DDD

      UAHUAHAUAHUAUHA... Povero povero Massimiliano, te ne hanno fatte fare d'ogni sorta a questo giro... ma quanto risulti simpaticooooooooo!... :DDD

      Elimina
    4. Sono fieramente super terrona anch'io! Vivo a Roma ma fino a tre anni fa mi beavo nella mia terra nissena. Tu di dove sei, invece?

      Max è un ragazzo intelligente e spiritoso, per questo ci prendiamo certe confidenze. Lui lo sa che gli vogliamo un gran bene! VERO, Max??? :D

      Elimina
    5. Dunque, super terrona pure io. Fino a 18 anni ho vissuto Sicilia (Messina provincia) e molto molto in Calabria con i nonni. Poi mi sono definitivamente trasferita a Roma, dove vivo e lavoro ancora adesso: diciamo, dove pendolo: avendo acquistato casa a Monterotondo. Qualche volta ci potrebbe beccare... ;)

      Elimina
    6. Mi farebbe molto piacere!
      E poi spediamo foto autografate al l'allegra combriccola di Patricia! :D :D

      Elimina
  2. Sei il mio mito Marina. Questo finale è strepitoso e mi ha fatto morire dalle risate. Tra l'altro, io adoro la serie TV in questione e caspita se non sarebbe fico essere una delle Mirtilla's Angels anche qualcosa alla occhi di gatto (un vecchio cartone) non sarebbe male, eh. Buonissima giornata cara. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se ho smorfiato i tuoi versi così belli, ma l'ho fatto per divertirci un po'! Sono contenta di averti fatto ridere. Ogni tanto ci vuole!
      E poi è colpa tua,se sei la mia poetessa preferita! :P
      Buonissima giornata anche a te! :)

      Elimina
    2. Le tue variazioni sul tema sono state graditissime. 😘

      Elimina
  3. ahahahahahahahahahahahhahahahaha quando smetto di ridere ti rispondo!!! ahahhaahhahaha
    FORTEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!
    Certo che poveri Pg e Mich!
    Quanto agli altri due... non ti preoccupare. Li acchiappiamo!!!
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ritenteremo: saremo più fortunate.
      Alla prossima missione, Pat! :D

      Elimina
    2. ma che vuooi che ci facciano gli uomini.... ahahahahahah

      Elimina
  4. Tremenda, TU - SEI - TREMENDA !!!
    Se avete imparato a conoscermi sapete anche che mi sono fatto delle belle risate per lo sfottò. Bellissimo racconto, molto divertente... ora vado a terminare il rito vudu che prevede che vi scada tutta la Nutella che avete in casa, lazzaroni e dissacratori che non siete altro.
    Qui è dura, non sono sicuro di essere all'altezza dei bellissimi finali che ho letto sino ad ora. E' INUTILE dirvi che tenterò, aaaah se tenterò gh gh gh gh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Max... anch'io sono in crisi di fronte a simili finali!!!!!
      Ohimemè! Che scriverò?????? ahahahahahahahahh

      Elimina
    2. Ahah, Max, io ADORO le tue "facezie" che tutto sono fuorché inutili! :)
      (No, la mia Nutella nooooo!)

      Elimina
    3. Viva Dio, ogni tanto quattro risate... sono tutti così seriosi. Le persone serie sanno invece essere divertenti. Brava, bravissima Marina.
      "...Che per la povertà dello stile gli invidiosi non devono condannare la raccolta delle facezie..."
      "...Del resto, risparmino la lettura di queste conversazioni (è così che le voglio chiamare) tutti coloro che sono troppo rigidi censori e critici troppo acerbi, e come una volta fece Lucilio coi Cosentini e i Tarentini io amo che i miei lettori siano d'animo lieto e sereno..."
      cit. Giovanni Francesco Poggio Bracciolini

      Elimina
    4. Sì, quattro risate sono salutari!
      E' giusto essere seri, non prendere tutto sottogamba, ma un po' di sano divertimento fa soltanto bene.
      bacioni!

      Elimina
    5. Nobilissima citazione, Max, bravo! :)
      Applausi per Pat! :)

      Elimina
    6. Mi inchino profondamente.... oi però qualcuno viene a tirarmi su vero? :)

      Elimina
    7. Siamo una squadra no? E ti tireremo su noi, che ce vò! :D :D

      Elimina
  5. Muahahahahah! Sto piangendo! XD Marina sei stata insuperabile!
    Devo dire che questo gruppo temibile di blogger al femminile fa paura anche a me XD
    Hai caratterizzato benissimo tutti eh! :O Evviva le quattro risate (che sono molte di più ;) ) che sappiamo fare insieme!
    Un grande abbraccio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Donne donne eterni dei!!!!
      Non cantavano così in un'operetta????
      Vengo a leggere il tuo finale!!!!!
      Bacio

      Elimina
    2. Meno male che Pg e Michele sono in letargo, ahah!
      Corro a leggere il tuo finale anch'io! :)

      Elimina
    3. Devo organizzarmi per tempo prima del risveglio dei fanciulli... non vorrei finire male :P

      Elimina
  6. Ma è troppo bello e divertente e che fantasia! Meriterebbe un premio. Forza dai, chi sa creare premi... Io premio te.
    Ciao ciao
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sinforosa, troppo gentile!
      Il mio premio sono le risate che ci stiamo facendo insieme! :D

      Elimina
  7. Ahahahahaha... Marina ma che ti sei bevuta???
    Ahahahahaha... e dopo la LAPEB ci sono anche le Myrtilla's Angels... Ahahahahah!!!
    Troppo azzeccato questo racconto con Patricia che si è messa più comoda e si è tolta il Burkini alla Catwoman, se non fosse per quel numero in meno nelle eleganti ciabattine da spiaggia. Ivano ci vuole ingannare e tenere segreta l'unica edizione pregiate e inedita di 2100 pagine "Suspiria", ma è inutile le Myrtilla's Angels non se la bevono.
    Fiera di appartenere a cotanto gruppo, la cozza si diverte troppo e continua a restare attaccata per non perderlo.
    Marina ti adoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Anna Maria! Siamo un pugno di matti! ahahah!
      Preparati per la prossima missione, mi raccomando! ;)

      Elimina
    2. Ci sto, sono già pronta ;))))

      Elimina
  8. Non riesco a smettere di ridere ... uahhhhh ... Esilarante Marina! Complimenti 😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, ci siamo lasciati andare tutti. Che spasso!
      Quanno ce vo ce vo! :P

      Elimina
  9. Prima di tutto Auguri! per quanto riguarda il racconto, pazzo, divertente ed esilarante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pietro. Se vuoi approfondire la conoscenza di questa iniziativa, clicca sul link "Insieme raccontiamo"

      Elimina
  10. Ti sei sbizzarrita con questo post...come al solito bravissima

    RispondiElimina
  11. Scusate ma diversamente non posso rispondere.. grrrrr grrrrr...
    A Max per i vaffa.... ma povero PICININ!!!!!!!! :))


    A Giulia Lu
    Venghini vior siori, c'è posto per tutti ahahhaha+

    Bacioni a tutti!

    RispondiElimina
  12. mi è piaciuto troppo .... davvero bello e ben scritto .. precisamente Giuseppina oibo' che schifo .. AnnaMaria e Adalgisa (che non sbaglia brisa) non so che avevano mangiato i miei genitori ...ma chiamami semplicemente giusi che preferisco e non facciamo notte ... però per la cronaca Immacolata non mi si addice sono ricoperta di macchie di sugo, vernice, colori, colla che la purezza nelle vesti mi manca ... troppo simpatica e grazie per aver pensato a me .... bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ho scherzato un po' con i primi nomi che mi sono venuti in mente! Sai, ho sorriso quando nel tuo profilo ho letto quel "semplicemente Giusi"! Ho un'amica che si fa chiamare semplicemente Rosalba dopo che la madre, alla nascita, l'ha registrata con tutti questi nomi: Rosalia Alba Maria Concetta Francresca Rita! Lei ne chiede ancora conto, ahah!
      Felice che ti sia divertita! :)

      Elimina
    2. Giusi, ma sul serio c'hai tutti sti nomi??? O-O...
      Ti posso chiamare Adalgisa ogni tanto? Mi sa di dolce assai assai... :DDD...
      Comunque Giusi è il migliore, si intona perfettamente a Te :)

      Elimina
    3. all'inizio dei tempi ... cioè ai miei ... usava mettere anche il secondo e terzo nome ... a mio figlio ne ho messo solo uno ... solo quello è lui ...AnnaMaria è la sorella di mio papà mia madrina e Adalgisa la mia nonna naterna ....la chiamavano Delcia nelle usanze marchigiane ...come Lei bè sarebbe un onore ... ma chiamami semplicemente giusi ahahahahah e mo rompo lo so

      Elimina
  13. UAHUAHUHAUAHUHAUHAUAH!!!...IO MUOIOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO... Le Myrtilla's Angels è SPETTACOLAREEEE!!!...
    Mi è sembrato di viverlo dal vivo, giuro!!!... E mo me lo rileggo pure: mi è troppo piaciuto!!...
    Grandiosa Marina!!!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. la colonna sonora di Olivia in sottofondo... è da sbellicarsi: non so se hai ascoltato la canzone, ma in quel frangente risulterebbe da tagliarsi in due dalle risate! ;)

      Elimina
    2. Grazie, Regina, sto giro di sequel mi ha proprio divertito e sono contenta che abbia divertito tutti! E poi certo che ho ascoltato (e apprezzato) la canzone. Mi è subito sembrata una colonna sonora perfetta! :D

      Elimina
  14. Cielo, su un gommone.
    E tiro su pure gente che manco conosco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!
      Nel mio immaginario ti considero una "guida". :D

      Elimina
  15. Ahahhaaahahaha, nooooooooooooooo, troppo, troppo, troppissimo!!!
    Grande Marina, racconto insuperabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, Federica! È stato divertimento puro!
      Ogni tanto ci concediamo il lusso di farci qualche sana risata! :)

      Elimina